INFORMATIVE
Adempimenti, Novità

Operazioni con l’estero e fatturazione elettronica dal 1.7.2022

15 Giu 2022

A decorrere dalle cessioni e prestazioni effettuate dall’1.7.2022, la comunicazione dei dati delle operazioni transfrontaliere (c.d. “esterometro”) sarà trasmessa attraverso nuove modalità, equiparabili a quelle relative alla fattura elettronica.

La legge di bilancio 2021 ha, infatti, introdotto l’obbligo di trasmettere i dati in questione in formato XML, via Sistema di Interscambio (SdI) con riferimento, inizialmente, alle operazioni effettuate a decorrere dall’1.1.2022 e successivamente prorogato dall’1.7.2022.

Il nuovo obbligo riguarda tutte le operazioni con soggetti esteri, ad esclusione di solo quelle documentate da bollette doganali (importazioni ed esportazioni di beni extra Ue).

L’adempimento di invio dell’Esterometro mensile è quindi sostituito dall’invio allo SDI dei dati in formato XML con riferimento alle singole operazioni e non più cumulativamente ed entro i medesimi termini di emissione della fattura elettronica rispetto all’operazione sottesa. Eventuali ritardi sono sanzionati come fosse una ritardata fatturazione.

Altra novità di rilievo riguarda i rapporti con operatori della Repubblica di San Marino che ha adottato il sistema di fatturazione elettronica ed ha quindi abolito la marcatura delle fatture cartacee. Ora quindi le fatture in vendita verso operatori di San Marino devono essere inviate a mezzo SDI ma hanno bisogno di un controllo ulteriore per essere considerate valide. Infatti sarà necessario verificare sul sito dell’Agenzia se tali fatture oltre a non essere scartate dallo SDI siano state accettate dall’Autorità fiscale Sanmarinese. Qualora entro quattro mesi dall’invio della fattura elettronica non risulti questa accettazione, l’emittente italiano deve emettere una nota di addebito con IVA italiana entro i successivi 30 giorni. Anche in questo caso eventuali ritardi sono sanzionati.

Attenzione quindi a verificare nel sito l’accettazione prescritta.